GRECIA KOS CAICCO
1.giorno
Arrivo a Kos e nel pomeriggio imbarco passeggeri. Briefing con il comandante per una panoramica sull’itinerario e sulle procedure di sicurezza a bordo. Questa sera potrete cenare in una delle pittoresche taverne di Kos. Pernottamento a bordo.
2.giorno
in prima mattinata si salpa alla volta dell’affascinante isola di Pserimos, situata a sei miglia nautiche da Kos. Sosta per il bagno e colazione. Continuiamo poi per Kalymnos, dove potrete rilassarvi e dedicarvi ad attività balneari. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo.
3.giorno
In prima mattinata si salpa alla volta di Leros. Lungo la rotta ci fermiamo per la colazione e per un primo bagno. Leros è un’isola di piccole valli fertili, dolci colline verdi, alte scogliere, profonde baie, numerose spiagge e ricca di storia. Dopo avere passato alcune ore dedicate ad attività balneari, ci fermiamo al porto di Lakki o a quello di Agia Marina per passare la notte. Possibilità di andare a visitare il castello medievale di Pandeli, dove potrete godere di una splendida vista sul mare. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo
4.giorno
In prima mattinata partiamo alla volta di Patmos. Lungo il tragitto facciamo una piccola sosta per la colazione e per il primo bagno della giornata. Patmos è una delle isole più conosciute del Dodecanneso, nonostante non sia molto grande in quanto questo è il luogo in cui San Giovanni ebbe le sue visioni e scrisse l’Apocalisse. Il monastero di San Giovanni sovrasta Chora, l’abitato con le case bianche e la tipica architettura delle isole dell’Egeo che costituisce il cuore di Patmos attirando visitatori da tutto il mondo. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo.
5.giorno
Oggi partiamo per Lipsi. Lunghe spiagge di sabbia sono presenti nell’isola, come quella di Platis Gialos con le sue acque cristalline. Il capoluogo dell’isola si affaccia sul piccolo porticciolo naturale con le sue casette bianche e le piazzette piene di taverne e caffetterie. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo.
6.giorno
Partenza da Lipsi per Kalymnos, l’isola delle spugne. E’ un’isola con un’anima profondamente greca che si puo’ percepire ed assaporare nella cucina, nelle tradizioni, nell’ architettura o anche semplicemente nella vita quotidiana degli abitanti. E’ caratterizzata da una natura selvaggia, da montagne che sprofondano nel blu del mare, grotte, baie nascoste, paesini molto caratteristici ed un mare incontaminato. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo.
7.giorno
Partenza da Kalymnos e rientro a Kos. Arrivo e sosta per il bagno e pranzo a bordo. Giornata completamente dedicata al relax e al mare. Colazione, pranzo, cena e pernottamento a bordo.
8.giorno
Colazione a bordo e sbarco dei passeggeri. La nostra crociera purtroppo è finita, speriamo di rivederci alla prossima!

GRECIA RODI CAICCO

Giorno 1 –  Italia  Rodi 
Partenza in volo dall’Italia ed arrivo a Rodi, la maggiore delle isole dell’arcipelago del Dodecanneso è un’isola meravigliosa, ricca di storia, pittoreschi villaggi e bellissime spiagge! Per un breve periodo storico Rodi fu Italiana insieme alle isole di tutto l’arcipelago. Il bel tempo premia  l’isola di Rodi per gran parte dell’anno: il mare turchese, il suo fascino epico, la varietà dei suoi paesaggi, le foreste e i monti, i vigneti e le colline, i luoghi storici, la bellissima Rodi città e le antiche rovine renderanno la vostra vacanza unica e indimenticabile.
Imbarco al porto di Rodi cena e pernottamento sulla barca al porto .
Giorno 2 –  Dedichiamo la  mattinata ad una visita della città. La città medievale di Rodi si trova all’interno di una cinta muraria lunga 4 chilometri: la Città Alta è uno dei più bei complessi urbani del periodo gotico con il Palazzo dei Grandi Maestri, il Grande Ospedale (che ospita il museo archeologico, e da dove parte un percorso lungo i bastioni), la Via dei Cavalieri, il museo bizantino e il bagno turco mentre nella Città Bassa l’architettura gotica convive con moschee, bagni pubblici e altri edifici risalenti al periodo ottomano. Navigazione verso l’isola di Simi. L’isola di Simi è tra le più belle e accoglienti del Dodecanneso ed è famosa per il suo porto neoclassico e le belle spiagge selvagge e tranquilli passaggio a Bozburun villaggio dei marinai il punto piu vicino a Rodi.
Giorno 3 partenze per le bellissime baie naturali con fondo sabi adi aktur possibilita di nuotare assieme ai pesci
Giorno 4  Knidos (Cnido) 
Cnido era una città sviluppata nel campo della scienza, dell’arte e dell’architettura. Eudosso, l’astronomo molto popolare e professore di matematica, il dottor Euryphon, Polygontos, il pittore popolare, Skopas e Bryaksis di Faros, i più famosi scultori dell’epoca, Sostrates, l’architetto di Faro Alessandrino, una delle sette meraviglie del mondo, e Ktesias il medico, che ha salvato la vita di un re persiano da un disastro, sono vissuti su questa isola. Dr. Euryphon ed i suoi studenti fondò la seconda più grande scuola di scienza medica in Cnido. L’isola ospita anche l’orologio solare più grande del suo tempo che è stato eretto da Eudoksos. Cnido era la casa per il monumento di Afrodite e in quei tempi la città era famosa per i bordelli e divenne popolare tra i marinai e commercianti arabi. Si può anche fare una passeggiata sulla spiaggia per vedere le rovine. Andare e Datca senza visitare KNIDOS è impossibile, vi lascia senza respiro, una citta antica sul mare e il suo doppio porto antico da vedere, andate a vedere, le parole sono davvero poco per raccontare, quando arrivi resti a bocca aperta…. dall’insenatura che propone il doppio porto…..Ancora l’anfiteatro è da finire di tirare fuori… ma è veramente magnifico…. Un altro angolo di Turchia che lascia impressionati….Bellissimo a parte le calette dove si ferma la barca prima. Una caletta a Knidos da sogno! E’ favoloso, un promontorio dove si incontrano mar Egeo e mar mediterraneo. Del sito archeologico è rimasto ben poco, solo antiche pietre ricollocate in posizione, ma nulla di ricostruito.
Sito posizionato su un promontorio che si affaccia su un mare cristallino. Non affollato di turisti e con fantastiche calette nelle vicinanze. Da non perdere se si viaggia sulla penisola di Datca.
Giorno 5 Datca 
Datca fu fondata dai Dori che venivano dal Mar Egeo fino alla costa meridionale della Ionia nel 7 ° secolo a.C. L’isola non ha umidità per niente e dispone di aria fresca con molto ossigeno. Strabone,antico storico greco, aveva ragione quando accennava al tempo di Datca: “Dio avrebbe inviato i suoi servi amati a Datca per far vivere di più.” Secondo un mito, mentre i pirati spagnoli stavano passando dalla costa di Datca, sbarcarono le persone con malattia di Hansen in Baia di Sarıliman e queste persone abbandonate recuperano dalla loro malattia con l’aiuto del tempo pulito di Datca. Penisola di Datca è un luogo prezioso per i turisti che visitano la Turchia, in particolare via mare, per la bellezza delle sue numerose grotte e baie, che sono porti favoriti di scalo per coloro che intraprendono la crociera blu lungo la spettacolare costa sud-occidentale della Turchia.
6. Giorno  Datca  Simi
Nel pomeriggio visiteremo la zona nord di Simi, in piena natura e relax…raggiungiamo Panoramitis
7. Giorno 
 Visitiamo il  Monastero di San Michele a Panormitis (isola di Symi)
In completo stile veneziano, il monastero ortodosso di San Michele, situato a sud di Symi, ogni anno ospita migliaia di turisti e fedeli. Il culto di San Michele è molto vivo tra la popolazione greca e nel monastero sono custoditi la grande icona d’argento del Santo e rari manufatti. Panormitis è un posto incontaminato in cui regna solo il silenzio e il rumore del mare.   Panormitis – Rodi. La mattinata dedicata alla visita del monastero. L’ultima cena a bordo della barca al porto di Rodi.
8. Giorno Sbarchiamo, salutiamo l’equipaggio e partiamo in volo per l’Italia.